Difensore regionale Regione Lombardia

Centri di Raccolta

Centri di Raccolta del Difensore regionale Regione Lombardia

AREA RISERVATA



>> Dimenticato la password?

29 novembre 2017

Difensore regionale, piccoli interventi: il parco pubblico un po’ invadente


Il Difensore regionale può essere utile nella soluzione di diverse controversie o rimozione di ostacoli che il cittadino può incontrare quando si rapporta con un ufficio pubblico.

Forse nell’immaginario collettivo, non sapendo bene cosa fa questa particolare Authority, così poco nota e purtroppo non abbastanza diffusa in Italia, si pensa che l’ambito del suo intervento riguardi fatti, omissioni, errori o altro di una certa rilevanza. Spesso è anche così.

Non sempre però.

In molti casi i problemi di cui l’ufficio si occupa sono tutto sommato poco rilevanti per la collettività ma certamente importanti per la persona che espone il proprio reclamo. E a volte non sono neanche realmente problemi ma più semplicemente fraintendimenti, scarsa capacità comunicativa da parte degli uffici pubblici, difficoltà da parte di alcuni cittadini nella comprensione delle risposte ricevute: il Difensore spesso interviene proprio per aiutare entrambe le parti a trovare una soluzione condivisa e soddisfacente. In pratica, interviene anche per migliorare e facilitare il rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione.

Ad esempio, alcuni mesi fa si è rivolto al Difensore regionale un cittadino di un Comune della provincia milanese, lamentando di aver più volte sottoposto al proprio Comune reclami per la mancata manutenzione del Parco comunale senza aver ricevuto risposta.

Sulla pista ciclopedonale crescevano incontrollate erbacce e piante, rendendola chiaramente poco sicura da percorrere, e la sua proprietà, confinante con un lato del parco, era invasa da fogliame, ghiande e rami, anche di discrete proporzioni, che l’istante doveva poi rimuovere a sue spese.

Il Difensore regionale è intervenuto per conoscere i motivi che impedivano all’amministrazione di procedere con la manutenzione, quantomeno della parte confinante con la proprietà del richiedente.

Come spesso succede, il Comune non aveva potuto procedere con la manutenzione della pista ciclopedonale a causa della mancanza di fondi, anche se ha assicurato di aver già provveduto a mettere a bilancio la somma necessaria per il prossimo esercizio finanziario. Nell’immediato però ha contattato il cittadino per concordare insieme a lui il tipo di intervento da praticare sulle piante (in un parco sottoposto ai vincoli della Sovrintendenza dei Beni culturali) per evitargli in futuro di subire ulteriori disagi.