Difensore regionale Regione Lombardia

Centri di Raccolta

Centri di Raccolta del Difensore regionale Regione Lombardia

AREA RISERVATA



>> Dimenticato la password?

20 Febbraio 2018

… E infine l’errore fu corretto! L’intervento del Difensore regionale


Un contenzioso che in realtà non esiste, una persona gravemente malata.

Non è raro che una semplice nota  del Difensore regionale riesca a risolvere una vicenda bloccata da un anno.

Il signor C. è un uomo di 92 anni affetto da diverse patologie croniche invalidanti e, sebbene sia lucido, ha notevoli difficoltà a svolgere i comuni atti quotidiani. Trovandosi in stato di estremo bisogno, acuito dal cattivo stato di salute della moglie e dalla disabilità del figlio, nell’ottobre del 2016 attraverso un patronato presenta all’Inps la domanda di aggravamento dello stato di invalidità civile.

Tuttavia la domanda viene rifiutata in quanto risulta pendente un contenzioso giudiziario sulla prestazione richiesta, tra l’Inps e il signor C..

In effetti un procedimento giudiziario è esistito, ma si è concluso nel novembre 2015 con un verbale di conciliazione tra le parti, l’estinzione del giudizio e l’archiviazione del fascicolo da parte del tribunale.

Nonostante sia il patronato sia l’associazione di volontariato che segue il signor C. abbiano più volte scritto e interloquito verbalmente con la sede Inps competente, informandola della conclusione del procedimento, questo impedimento continuava comunque a figurare nella posizione informatizzata del richiedente: l’errore era evidente a tutti, ma per qualche oscuro motivo la domanda di aggravamento restava arenata.

Dopo diversi mesi di inutili tentativi a dicembre dello scorso anno il Presidente dell’Associazione ha interessato della questione il Difensore regionale, che ha scritto alle direzioni interessate di Inps esponendo i fatti ed inviando i documenti rilasciati dal Tribunale.

Dopo circa due settimane l’errore è stato finalmente corretto e la domanda di aggravamento è stata sbloccata. Il signor C. è stato convocato per la visita di accertamento dell’invalidità e il Centro Medico Legale di Inps ha considerando valida a tutti gli effetti, e quindi anche sotto il profilo della corresponsione di eventuali arretrati, la domanda presentata nell’ottobre 2016.